i trattamenti termali

MALATTIE DELLE VIE RESPIRATORIE E DELL’ORECCHIO

LE CURE INALATORIE

Grazie a moderne tecniche, l'acqua viene ridotta in particelle infinitesimali che a seconda delle loro dimensioni raggiungono le alte o le basse vie respiratorie. I risultati di questi trattamenti portano, attraverso un’azione decongestionante delle mucose, ad una sensibile riduzione dei sintomi, ad una migliore funzione respiratoria, ad una diminuzione della tosse e un minor ricorso ai farmaci.

 

LE INALAZIONI

Sono indicate per le malattie delle alte vie respiratorie e quindi per il trattamento di riniti croniche, atrofiche ed ipertrofiche, sinusiti, faringiti catarrali semplici, tonsilliti e laringiti croniche.

 

L'AEROSOL

È particolarmente indicato per le malattie delle basse vie respiratorie e quindi per il trattamento di tracheiti, tracheo-bronchiti superficiali, bronchiti croniche. L’associazione inalazioni-aerosol produce benefici effetti alle alte e basse vie respiratorie attraverso un'azione antinfiammatoria, decongestionante, mucolitica.

 

LE NEBULIZZAZIONI

Consistono nel miscelare le acque termali con vapore ed aria e nebulizzarle in un ambiente collettivo. L'intensa nebbia che si forma all'interno della saletta viene respirata e raggiunge le vie aeree più profonde dell’apparato respiratorio. Sono particolarmente indicate per il trattamento di tracheiti, tracheo-bronchiti, bronchiti croniche.

LE IRRIGAZIONI NASALI
Sono un delicato e profondo lavaggio delle cavità nasali. Sono particolarmente indicate nelle riniti croniche, atrofiche, ipertrofiche a componente distrofica torpida, nelle rino-sinusiti secernenti, nelle otiti medie secretive, nelle otosalpingiti degli adulti. Permette la penetrazione del mezzo termale in cavità difficilmente accessibili quali i seni paranasali e quindi un adeguato trattamento della mucosa delle fosse nasali, del rinofaringe e tube di eustachio, in cui sono presenti abbondanti secrezioni catarrali e muco-purulente nonché formazioni crostose.

 

LE DOCCE MICRONIZZATE
Le docce micronizzate sono una metodica terapeutica di relativa recente introduzione nella pratica termale. Esse garantiscono una maggiore penetrazione del mezzo termale in cavità difficilmente accessibili quali i seni paranasali. Questa tecnica permette inoltre un adeguato trattamento della mucosa delle fosse nasali e del rinofaringe con notevole riduzione degli effetti algici spesso legati all'irrigazione classica. Per questo motivo va preferita nelle forme di marcata iperreattività delle mucose. La tecnica consiste nell'immissione a pressione nelle fosse nasali di acqua minerale nebulizzata costituita da grosse particelle acquose (circa 20-30 micron di diametro). Si esegue facendo aderire alle narici un'apposita ampolla (rino-jet) collegata all'apparecchio tramite tubi di gomma in grado di immettere il getto di nebbia a temperatura ambiente nelle fosse nasali e di raccogliere le secrezioni reflue scaricandole all'esterno. L'effetto terapeutico aspecifico, come quello dell'irrigazione, è legato alla detersione delle secrezioni comprese quelle mucopurulente e crostose, all'azione trofica, decongestionante e mucolitica. A queste si aggiungono le azioni specifiche delle acque impiegate.

LE INSUFFLAZIONI TUBO TIMPANICHE - POLITZER CRENOTERAPICO
Sono indicate nella stenosi tubarica, nell’otite catarrale cronica, nell’otite purulenta cronica, nell’otite sierosa, nella sordità rinogena, nella tubotimpanite. Svolgono una specifica azione terapeutica o profilattica nell'otite media catarrale cronica per insufficienza tubarica e nel trattamento della “sordità rinogena”, tipica conseguenza di una infiammazione catarrale dell’orecchio medio. Si tratta nella maggior parte dei casi di stati infiammatori dell'orecchio medio e di quelli che, originandosi nella cavità nasale, si estendono poi alla tuba uditiva e che possono creare seri problemi alla funzione dell'udito. Le insufflazioni endotimpaniche garantiscono un netto miglioramento della funzione uditiva e prevengono il riacutizzarsi di otiti. Possono essere eseguite con cateterismo tubarico o mediante polizter crenoterapico. Nel primo caso si introducono delicatamente le acque termali sulfuree (sotto forma di gas) utilizzando un apposito tubicino flessibile con il quale l’aerosol termale viene insufflato attraverso la tuba d’Eustachio fino all'orecchio medio. In generale questa tecnica viene utilizzata per il trattamento di pazienti adulti. Per i bambini invece si predilige l’uso del polizter crenoterapico, che consiste nell'introduzione dello stesso gas aerosolico termale nella parte interna delle narici tramite una piccola olivetta.

 

MALATTIE REUMATICHE E ORTOPEDICHE
 
FANGO-BALNEOTERAPIA

E' un trattamento termale che riduce il dolore, migliora la circolazione sanguigna, aumenta il tono muscolare ed il recupero della funzionalità articolare. E' indicato per il trattamento delle malattie reumatiche e ortopediche: osteoartrosi localizzata o diffusa, cervicoartrosi, lombartrosi, esiti di interventi per ernia discale, discopatia, periartrite scapolo-omerale, esiti di poliartrite reumatica, osteoporosi, reumatismi extra-articolari, fibromialgia, tendiniti, fibrositi. Esplica un’azione antinfiammatoria, analgesica, sedativa, stimolante del sistema immunitario e del ricambio cellulare, oltre a favorire i processi naturali detossinanti. Le indicazioni più specifiche sono verso le patologie acute e croniche dell’apparato muscolo-scheletrico.

LA BALNEOTERAPIA

Può essere effettuata in vasca singola con idromassaggio ozonizzato oppure in piscina termale con idromassaggio semplice. Oltre all'azione benefica della temperatura, aiuta a stimolare e a riattivare la circolazione sanguigna con una contemporanea azione miorilassante, sedativa ed antidolorifica. Somma ai benefici derivanti dalle acque termali la possibilità di svolgere attività motoria in acqua in condizioni di minor peso. Il corpo, totalmente e confortevolmente immerso nell'acqua termale della piscina, grava in modo ridotto sulle articolazioni. Oltre alla tipica azione di stimolazione passiva da parte dei getti dell'idromassaggio subacqueo, si ha in questo caso l'opportunità di condurre una stimolazione attiva muovendo liberamente e costantemente le articolazioni e la muscolatura.

 

MALATTIE VASCOLARI
 
CAMMINATOIO

Il Camminatoio termale è un doppio percorso attraverso due vasche contenenti acqua termale calda e fredda, con idromassaggi ozonizzati-laterali posti a diverse altezze. L'alternanza della deambulazione in due percorsi a differente temperatura (36-35 la calda e 26-25 la fredda), in controcorrente di acqua termale, induce infatti una specifica azione di riattivazione muscolare, riabilitazione articolare e dermotonificazione ed aiuta a eliminare o ridurre il gonfiore e la cellulite degli arti inferiori. Al Camminatoio si possono associare il massaggio linfodrenante o la pressoterapia. Trovano giovamento con queste terapie termali i postumi di flebopatie, l’insufficienza venosa, gli esiti o postumi di intervento chirurgico vascolare periferico, le varici non gravi agli arti inferiori, le vasculopatie croniche arti inferiori (se venose), le turbe funzionali vascolari periferiche. Su indicazione dello specialista la cura può essere effettuata in vasca singola con idromassaggio ozonizzato.

Anche in questo caso le cure termali producono un'azione antinfiammatoria, una riduzione del gonfiore e un miglioramento della microcircolazione sanguigna degli arti inferiori, un ripristino funzionale muscolo-articolare degli arti. Sono anche consigliate, unitamente alla ginnastica posturale, come mezzo di cura e prevenzione delle malattie causate dallo stress e dalla vita sedentaria unitamente alla ginnastica posturale.

Al termine di tali trattamenti è a disposizione dei clienti il “Tepidarium”, un ambiente relax collettivo, che consente la prosecuzione della fase di reazione e il graduale riadattarsi dell’organismo all’ambiente esterno, evitando bruschi sbalzi termici.

 

MASSAGGI, IDROKINESITERAPIA E FISIOTERAPIA

A completamento delle terapie termali, Le Terme di Torre Canne dispongono di un avanzato centro di fisioterapia, kinesiterapia e idrokinesiterapia. Tali trattamenti sono particolarmente indicati per il recupero della funzionalità degli arti a seguito di fratture, eventi traumatici diversi, esiti di interventi chirurgici ortopedici, nel trattamento delle affezioni articolari croniche (artrosi ed artriti croniche) e di esiti invalidanti di malattie neurologiche (emiplegia, paraplegia, sclerosi multipla, ecc). Svolgendo una graduale e crescente azione di riabilitazione e di tonificazione della muscolatura degli arti sono inoltre efficaci come trattamento preventivo e conservativo, soprattutto negli anziani. Nel centro si possono inoltre effettuare ultrasuonoterapia, laserterapia, TENS, tecarterapia, elettrostimolazione, diatermia, massaggio manuale parziale e totale, kinesiterapia manuale, strumentale e posturale. L’idrokinesiterapia viene effettuata in piscina termale terapeutica da terapisti della riabilitazione specializzati e permette un sensibile recupero motorio negli esiti di malattie di carattere ortopedico-traumatologico (fratture, lussazioni, artrosi, malattie croniche degenerative, ecc.), reumatologico (artrite reumatoide, SAAP, artriti siero negative, ecc.), e neurologico (emi e paraplegia degli adulti, esiti di paralisi cerebrali infantili, sclerosi multipla, ecc.).

Please choose your language
  • English
  • Française
  • Italiano